Basically, a blog about visual culture
READING

New year, new diary: journals for 2016

New year, new diary: journals for 2016

The year is almost over and this mean it’s your moment, fans of multitasking and stationery maniacs:  it’s time to buy a new journal! A diary that will start with a nice, careful, handwriting and a ton of resolutions, to end up filled with wild notes and sparse lists, from the ideas of Friday’s brief to what to bring on holiday, from the must-see movies to diet goals.

So, here’s my list of journals for 2016. It’s short, as I already know what to buy. Moleskine is one of my all time favorite brands, it’s my everyday journal, but also my secret diary and my notebook for the blog.

Why?

  • Because it’s a timeless classic, minimal and elegant;
  • Because it has a leather cover in several colors and there are a lot of limited editions, so it’s always the same, but it’s never the usual;
  • Because once open, it becomes completely flat and that’s a relevant aspect for those who write a lot or are obsessed with nice handwriting;
  • Because it’s comfortable even if you are left-handed;
  • Because it’s quite easy to find and not too expensive.

Over the years, I had 16 and 12 months journals, soft or hard cover, daily and weekly, and I  Negli anni, ho avuto agende da 16 e da 12 mesi, con la copertina rigida e morbida, settimanali e giornaliere e sono giunta alla conclusione che per me, per le mie esigenze e per il mio gusto, l’agenda perfetta è grande, da 12 mesi, con la copertina rigida e con una pagina per giorno della settimana. Scrivo tanto, uso l’agenda sia per il lavoro che per appunti personali e una pagina a settimana non mi basta, quindi per il prossimo anno i miei desideri si dividono tra questo modello in verde, oppure per la versione limited edition dedicata a Star Wars. R2-D2 è uno dei miei personaggi preferiti della saga, adoro quel robottino ancor più di Han Solo e Chewbacca, e questa agenda sembra proprio chiamare il mio nome.

Moleskine 1

Per chi trova l’agenda giornaliera troppo grande e spessa, scrive poco e ha più che altro bisogno di un calendario dove inserire annotazioni sintetiche, consiglio la Weekly Panoramic. La trovo molto minimal ed elegante, perfetta da inserire in borsa e mi piace moltissimo in rosso. Infine, per chi non sente il bisogno di un’agenda (perché magari usa il telefono) ma preferisce un taccuino dove annotare idee, pensieri e segreti sconci, segnalo la splendida Blend Limited Edition rivestita in tessuto. Si tratta di una linea che ricorda molto il tweed dei cappotti e dei completi sartoriali, molto chic, ottima idea regalo. La mia preferita è la versione in verde.

La nemesi della Moleskine, il suo esatto opposto in una scala tra amore folle e odio totale, è la Filofax. In sé, si tratta di un prodotto innocente, piuttosto standard, sicuramente funzionale, troppo costoso; il problema vero è il trend pacchiano e infantile delle Filofax personalizzate con adesivi, nastri colorati e scritte in oro e argento da sedicenti planning maniacs. Il tempo dedicato a trasformare l’agenda in un ammasso colorato di schifezze è il tempo che andrebbe dedicato a fare le cose scritte nell’agenda stessa. La Filofax è diventata l’agenda delle casalinghe americane folli che indossano gli ugg, sono armate di colla a caldo e collezionano perle di bracciali Pandora. La Filofax è l’agenda del demonio.

Filofax

Se siete disposti a spendere una somma importante per un bel diario, allora vi consiglio Aspinal Of London. Si tratta di un marchio di borse e accessori in pelle, con una linea di cartoleria davvero lussuosa ed elegante. Il mio modello preferito è in saffiano color cipria, con il bordo delle pagine in oro e la possibilità di personalizzare la copertina con le vostre iniziali. Infine, se cercate qualcosa di non troppo costoso, originale, colorato o femminile, lo shop online di Paperchase offre tantissime opzioni molto carine.

Paperchase 2016 diaries


Visual Nazi / Creativity Lover / Barbie Content Marketer I love old and new media, collect indie magazines, watch romantic movies, listen to hipster music, appreciate good typography, enjoy thoughtful chromatic combinations. I hate: old thinking and badly filtered Instagram pics. I happen to be a Management graduate, too.

INSTAGRAM
@ARSENALECREATIVO